giocare-in-spiaggia-a-rimini sport-in-spiaggia-rimini associazione-wpa-rimini divertimento-riviera-romagnola vendita-racchettoni-rimini Water-Paddle-association–Rimini sport-in-mare-rimini


Maiki (Maurizio Morri)

Torna indietro

Definito il “Maestro”, cioè colui che creò il gioco nella notte dei tempi, c’è chi pensa che sia immortale: la leggenda vuole che avesse giocato per la prima volta con Noè, all’approssimarsi del Diluvio universale, quando, dopo il primo acquazzone, il Maestro urlò:” Grazie Signore, hai esaudito le mie preghiere, un mondo con un’unica sconfinata PRIMA SECCA!”

Ma sappiamo poi che la storia non si fermò lì… Maiki diede una lezione a molti personaggi della storia, Achille durò poco perché il Maestro incidentalmente durante il gioco gli colpì il tallone; Cesare difese i colori della “magica Roma” contro l’Architetto (così definito per la millimetrica precisione con cui gioca il colpo: “Tu devi solo mettere la racchetta che al resto ci penso io!”) e lo accoltellarono per la sua annunciata sconfitta; in una trasferta in Inghilterra sfidò Re Artù, battuto anche lui nonostante l’aiuto di Merlino (che cambiava la traiettoria alla pallina con la sua magia, ma il Maestro ci arrivava sempre!), e fece invaghire Ginevra, che era a riva a guardare (e se vogliamo dirla tutta….anche Morgana), per questo motivo poi Artù, preso dallo sconforto, andò alla ricerca del Santo Graal per diventare immortale come il Maestro (che intanto, ridicolizzato anche Lancillotto, si spupazzava Ginevra e Morgana in un torbido triangolo di sesso!); poi fu la volta di Napoleone, che giocò con Maiki in una memorabile partita a Waterloo, ma era troppo basso e poco scattante per giocare in acqua, però dotato di grande strategia, ma fu una disfatta!

De Coubertin dopo la dodicesima sconfitta di seguito disse: “L’importante non è vincere ma partecipare”… ma quando mai! Hitler lo inseguì per mezza Europa conquistando a destra e a manca per cercare di sfidarlo dopo essersi allenato per anni, ma Maiki era in vacanza e poi… giocare con un imbianchino!

L’ultimo doppio veramente “storico” il Maestro lo fece a Camp David, non molto tempo fa, con Clinton, Rabin e Arafat: si giocavano parti della Palestina ad ogni punto, l’Architetto, in coppia con Arafat, continuava a bersagliare il povero Clinton spingendolo sempre più al largo, ma questo rimaneva immobile, mantenendo un’espressione ebete e soddisfatta, nonostante Rabin lo infamasse per la sconfitta… ma poi emerse da sott’acqua Monica Lewinsky e tutti capirono!!

Insomma, concludendo, Maiki l’Immortale (insieme a Gilgamesh e a Conner McCloud l’Highlander) gioca da un po’ di anni e da altrettanti organizza cene e offre birra ma quando gli faranno il calco di mani e piedi su una mattonella della passerella del Bagno 16 come i divi di Hollywood??